SU WILLIAM


Nato in Inghilterra e cresciuto in una famiglia creativa in Nuova Zelanda, William ha sviluppato un grande apprezzamento per le arti, la storia e l'ingegneria fin dalla tenera età. All'età di 7 anni William ha disegnato il suo primo anello come regalo per sua madre.

La colorata carriera di Griffiths è iniziata sul serio nella tarda adolescenza, nel cuore del distretto dei gioielli di Londra, Hatton Garden. Stabilitosi sia in Europa che in Australasia, ha affinato le sue abilità in tutto il mondo, lavorando ad Auckland, Londra, Barcellona e Melbourne.
A seguito di un grave incidente d'auto poco più che trentenne, William trascorse sei mesi in ospedale, gravemente malato. Durante questo periodo buio, sperimentò sogni lucidi indotti dalla morfina, perseguitato da teschi, macchine biomorfiche e animali morti. Profondamente colpiti dall'esperienza, nel suo lavoro sono emersi temi più oscuri, insieme alla filosofia latina di "Memento Mori", tradotta come "Ricorda che morirai".

La prolifica produzione di Griffiths rivela un ricco arazzo di influenze storiche e culturali, ispirate dalla sua esperienza di vita. Dall'architettura gotica, l'arte del tatuaggio e l'ornamento barocco alla biomeccanica, le sue creazioni su misura spaziano da delicati sussurri di diamanti, pugnali e rondini a massicci e opulenti anelli da cattedrale, entrambi distintivi e mozzafiato da vedere.